Parametri - Il Rapporto di sostenibilità 2018/2019

Dati importanti

Se non altrimenti specificato, gli approcci manageriali descritti nei quattro capitoli tematici riguardano V ZUG con la propria sede centrale di Zugo, V-ZUG Refrigerazione SA con sede ad Arbon e le controllate estere, in particolare V-ZUG (Changzhou) Special Components Co. Ltd., a ovest di Shanghai. I dati sulla sostenibilità si riferiscono, salvo diversamente indicato, agli stabilimenti di produzione in Svizzera di Zugo e Arbon oltre a quello di Changzhou. Abbracciano il periodo che va da luglio 2016 a giugno 2019 (tre anni). Le cifre indicative riferite al mercato svizzero a prescindere dall’unità organizzativa sono indicate in modo appropriato.

* V-ZUG non pubblica l’EBIT delle singole società; pertanto in questa sede viene riportato soltanto il dato relativo all’intero comparto Elettrodomestici.

**  L’anno di riferimento è stato adeguato al 2016/2017 a causa della disponibilità dei dati per l’intera portata del rapporto (V-ZUG SA, V-ZUG Refrigerazione SA, V-ZUG Changzhou Special Components Co.).

Parametri Prodotti e servizi

Prevalentemente elettrodomestici con classe energetica A e superiore
Circa il 78 % degli elettrodomestici venduti nel 2018/2019 aveva una classe di efficienza europea A o superiore. Rispetto al periodo precedente, si tratta di un calo del 2,5 %, dovuto tuttavia ad una ricategorizzazione dei dati nell’ambito del passaggio a SAP: sebbene gli elettrodomestici venduti negli USA corrispondano a una classe di efficienza A o superiore, a partire da questo periodo in esame rientrano nel gruppo senza classe energetica. Senza questa ridistribuzione, la quota di elettrodomestici con classe energetica A o superiore sarebbe aumentata dello 0,5 %.
Va notato che non esistono classificazioni europee ufficiali di efficienza energetica per alcune categorie di prodotti. Nel caso di V-ZUG, ciò riguarda in particolare i piani cottura, i cassetti scaldavivande e i forni a microonde. Inoltre, non in tutte le categorie di dispositivi è prevista una classificazione superiore ad A (cioè da A+ ad A+++). La categoria C è costituita da cappe aspiranti, il cui consumo è relativamente ridotto rispetto agli altri elettrodomestici. Per quanto concerne la nostra produzione diretta, la percentuale dei modelli di classe A, A+, A++ o A+++ è addirittura del 100 %.

Grafico: Vendita degli elettrodomestici in base alle classi energetiche

Guasti notevolmente ridotti
Si guasti agli elettrodomestici sono fastidiosi per i nostri clienti. A noi causano anche conseguenze finanziarie: riparazioni e prestazioni di assistenza effettuate in garanzia o correntezza vanno a nostro carico sotto forma di costi qualitativi. Per questo motivo investiamo continuamente nell’ottimizzazione di prodotti, processi di fabbricazione e logistica. Rispetto al 2015/2016, il numero di anomalie da noi registrate nel periodo in esame è diminuito del 22 %.

Grafico: Percentuale guasti (Svizzera), indicizzata allo stato 2015/2016)

Leggero aumento dei tempi di  risposta
In caso di guasto all’elettrodomestico vogliamo essere rapidamente sul posto e, se possibile, risolvere il problema in occasione del primo sopralluogo. Per i nostri servizi di assistenza e supporto, quindi, la velocità di reazione e una riparazione riuscita subito al primo intervento costituiscono parametri fondamentali. Negli ultimi anni siamo riusciti a ridurre costantemente il nostro tempo di risposta medio. Nel periodo in esame non ci siamo riusciti a causa dell’introduzione di SAP. Nel frattempo, i problemi di sistema sorti in alcuni casi sono stati risolti e stabilizzati. Anche in questo periodo in esame il tasso di risoluzione al primo intervento è stato di ben il 90 %, il che significa che in nove casi su dieci siamo riusciti a risolvere i casi sul posto.

Grafico: Tempo medio di risposta in giorni (Svizzera)

Parametri Collaboratori

Part-time: una tendenza in crescita
Nell’esercizio 2018/2019 V-ZUG impiegava 1803 persone (di cui 72 collaboratori temporanei). L’82% dei nostri collaboratori lavora a tempo pieno. La quota dei collaboratori a tempo parziale è aumentata dell’1,2% rispetto al periodo 2017/2018. Lavorare part-time è una tendenza ben presente sul mercato del lavoro. Riceviamo di conseguenza sempre più richieste da parte dei nostri collaboratori e manifestazioni di interesse nei colloqui di candidatura. Il 17% circa dei collaboratori a tempo indeterminato ha meno di 30 anni, il 52% si situa nella fascia tra i 30 e i 50 anni e il 32% ha più di 50 anni. Attingiamo volutamente dall’intera fascia di età compresa fra i 16 e i 65 anni. V-ZUG partecipa inoltre attivamente alla campagna di sensibilizzazione «Alter hat Potenzial» (Il potenziale dell’anzianità) del Cantone di Zugo.

Graphique: Collaboratori per contratto di lavoro

Le donne sono ancora sottorappresentat
Negli ultimi anni la percentuale delle donne ammontava al 22% circa, per cui ora è in leggero aumento rispetto al 2017/2018. Con stage di orientamento per scolari, orari e modelli di lavoro flessibili (v. intervista, «In due in prima linea») o iniziative come «parents@work» e V-ZUG Women’s Network stiamo creando una cultura aziendale all’insegna delle pari opportunità. La percentuale di donne dirigenti è nuovamente aumentata. Con una quota del 18% circa, tuttavia, le donne sono ancora sottorappresentate a livello manageriale. La parità salariale viene verificata da un organismo esterno ogni quattro anni (l’ultima volta nel 2016) e il certificato L&M-Aba-24® , con validità quadriennale, conferma la retribuzione non discriminante del nostro personale.

Graphique: Collaboratori per genere e livello gerarchico

Fluttuazione dei collaboratori in aumento
Nel 2018/2019 abbiamo accolto in V-ZUG 204 nuovi collaboratori, nello stesso periodo 159 persone hanno lasciato l’azienda, il che equivale a un tasso di fluttuazione (pensionamenti esclusi) del 9,5%. La fluttuazione è aumentata dello 0,8%p. rispetto al 2017/2018. Negli ultimi anni la fluttuazione volontaria è tuttavia rimasta costantemente al di sotto del 5%. Il leggero aumento della fluttuazione complessiva negli ultimi anni è legato al processo di trasformazione della nostra azienda, che ha un impatto sui processi e sull’organizzazione del lavoro ma anche sulle aree e sui contenuti del lavoro.

Graphique: Tasso di fluttuazione

Infortuni professionali e quota di assenze costantemente bass
Nel periodo in esame presso V-ZUG abbiamo registrato 69 infortuni professionali. Si tratta di una diminuzione di circa il 30% rispetto al periodo precedente a causa di una forte diminuzione dei piccoli infortuni (p. es. contusioni, tagli ecc. con tempi di guarigione inferiori a tre giorni). Di conseguenza è scesa al 35% circa la percentuale dei piccoli infortuni rispetto a tutti gli infortuni professionali. La quota di assenze, ossia la percentuale di tutte le ore di lavoro perse a causa di infortuni professionali, è diminuita dello 0,08%p. nell’anno in esame rispetto all’anno precedente. I piccoli infortuni si verificano più frequentemente nella produzione e nell’assistenza, e sono in gran parte riconducibili a disattenzione o situazioni di stress. La sicurezza sul lavoro è e resta una delle nostre priorità qualitative poiché gli infortuni professionali non provocano soltanto dolore fisico ma anche costi. Per questo motivo continuiamo a puntare su informazioni specifiche e corsi di formazione per sensibilizzare il nostro personale e consolidare il senso di autoresponsabilità.

Graphique: Numero di ore perse a causa di infortuni professionali

Leggera diminuzione delle ore di lavoro perse
Il numero di ore perse a causa di infortuni professionali/non professionali e malattie è aumentato del 7,2% rispetto al periodo precedente. Circa l’80% di tutte le ore di assenza è dovuto a malattia. L’aumento maggiore è stato registrato per le ore di lavoro perse a causa di infortuni non professionali (+19,0%). Questo aumento generale è dovuto principalmente a due motivi: in primo luogo, è aumentato il numero di collaboratori in V-ZUG, il che genera automaticamente un maggior numero di ore di lavoro perse in totale. In secondo luogo, il 2018 e il 2019 sono stati due anni estremamente impegnativi e difficili per tutti i collaboratori, il che fa aumentare i casi di malattia legati allo stress.

Graphique: Quota di assenze per cause (IP: infortuni professionali; INP: infortuni non professionali)

Parametri Energia e clima

Aumento dei consumi energetici in valori assoluti
Nel 2018/2019 il consumo energetico assoluto all’interno dell’organizzazione è stato di 113,1 terajoule. A questo dato contribuiscono l’energia elettrica (41,6 %), il gas metano e il biogas (27,1 %), il diesel (23,4 %) e la benzina (0,03 %) della flotta veicoli aziendale (autocarri inclusi), nonché l’olio combustibile (7,9 %). Rispetto al periodo precedente, i consumi energetici sono aumentati del 3,0 % ma sono diminuiti del 3,2 % rispetto al 2016/2017. Il motivo di questo aumento va ricercato nel fatto che nel 2017/2018 abbiamo provato ad abbassare la temperatura nei capannoni di produzione di Arbon. Ma durante il periodo in esame l’impianto di riscaldamento è stato riportato ai livelli precedenti perché le temperature più basse erano molto sgradevoli per i collaboratori e causavano anche una minore aderenza dei materiali adesivi.

Grafico: Consumi energetici in V-ZUG per fonti di energia (in Terajoule)

In aumento le emissioni di CO2
La nostra attività commerciale ha prodotto nel 2017/2018 un totale di 4698 tonnellate di emissioni di CO2 legate all’energia, composte dalle voci diesel (41,4 %), gas metano (32,3 %), olio combustibile (14,0 %), benzina (0,05 %) e corrente elettrica (12,2 %). Dal 2014 la sede di Zugo utilizza al 100 % energia idroelettrica svizzera e per questo i consumi energetici non producono alcuna emissione. Rispetto al periodo precedente le emissioni di CO2 sono quindi aumentate del 2,4 %. Questo sviluppo è in parte dovuto al consumo di olio combustibile ad Arbon.

Grafico:  Emissioni di CO2 Emissioni prodotte direttamente dallo stabilimento (Scope 1; diesel, gas metano, olio combustibile extraleggero) ed emissioni indirette (Scope 2; corrente elettrica) in tonnellate di CO2

Download